Daydreaming

by francismadphotography

Daydreaming

Sognare ad occhi aperti è una delle cose più comuni che facciamo ma anche tra le più intime. In una società frenetica e maniaca dell’efficienza come quella in cui viviamo solitamente si ritiene che sia una perdita di tempo, ma secondo me non è così. Come può essere considerato insignificante qualcosa che ci viene realmente naturale fare? Come può essere considerato stupido qualcosa che ci mette in comunicazione con le parti più profonde del nostro Io aiutandoci e talvolta rivelandoci le nostre speranze, i nostri desideri e paure?

Quante volte mi ritrovo imbambolata con gli occhi fissi verso il soffitto, od incantanta nel guardare fuori dal finestrino di un qualsiasi mezzo di trasporto, è uno stato che amo ed il motivo per cui in un viaggio odio guidare. Sognare ad occhi aperti è un canale di comunicazione aperto tra noi stessi in cui per breve tempo si è leggermente distaccati dalla nostra situazione immediata, dall’attimo presente in cui si è, il che significa forse che si è più ricettivi alle idee generate all’interno del nostro subconscio.

Da qui nasce questo concept, dalla voglia di raccontare un sogno ad occhi aperti prima di affrontare un nuovo giorno, magari di lavoro, con tutte le ansie e le fatiche che ne possono derivare. E’ un momento di ricordo, di ” viaggio senza muoversi ” che aiuta l’umore.  A volte infatti il sogno ad occhi aperti  può essere terapeutico. E’ come un film nella nostra testa che può aiutarci a sopportare situazioni difficili nella realtà. Per me spesso è cosi. Anche se non è generalmente un bene spesso mi si dice che penso troppo, mi ripetono criticandomi di avere spesso la testa fra le nuvole e che essere Acquario ascendente Acquario non aiuta (se si crede all’oroscopo…) ma per me non è cosi, daltronde come dice Merlino a Corto Maltese in Sogno di un Mattino di Mezzo Inverno:

Chi sogna ad occhi aperti è pericoloso, perchè non sa mai quando il sogno finisce”.

Grazie Chiara F. per aver posato.

————————————————————————————————-

Daydreaming is one of the most common things we do but also the most intimate . In a fast-paced society and manic energy as that in which we live is usually considered to be a waste of time, but in my opinion it is not. How can it be considered insignificant something that comes really natural to do? How stupid can be considered something that connects with the deepest parts of our ego helping and sometimes revealing our hopes , our desires and fears?

How many times I find myself stunned staring at the ceiling , or incantanta in looking out the window of any means of transport, is a state that I love and why hate driving on a trip . Daydreaming is a channel of communication open between ourselves for a short time in which it is slightly detached from our immediate situation , dall’attimo present where you are, which means that maybe you are more receptive to the ideas generated at ‘ inside of our subconscious.

Hence this concept , the desire to tell a daydream before facing a new day, maybe at work, with all the anxieties and hardships that may ensue. It ‘ a time to remember , to travel without moving ” ” that helps the mood. Sometimes indeed the daydream can be therapeutic . It ‘s like a movie in our head that can help us to endure difficult situations in reality. For me it is often the case. Although it is not generally a good thing I often say that I think too much, I have often repeated criticandomi of the head in the clouds and be Aquarius Aquarius ascendant does not help ( if you believe horoscopes … ), but for me it is not thus , incidentally says Merlin Corto Maltese in a Dream Morning Midwinter :

” Who daydreaming is dangerous, because you never know when the dream ends .”

Thanks Chiara F. for posing .