20 Settembre 2014

by francismadphotography

10698503_857455997620906_7727787500521339453_n

Serata ”Oktoberfest” insieme alla mia coinquilina terminata con un futuro matrimonio triestino da fotografare ed organizzare. Non mi sono ancora ambientata del tutto che ho già ho un lavoro tra le mani, è eccellente. Durante la serata ho avuto modo di assaggiare un piatto favoloso a base di luganighe, fagioli con cipolle, senape, kren (una salsa tipica centro europea derivante dal rafano, ha un gusto molto particolare e forte, si accompagna bene alla carne di maiale) e patate in tecia, il tutto accompagnato da una mezza pinta rossa doppio malto. Che goduria, non ho altro da aggiungere. Ero letteralmente in paradiso, c’erano cipolle ovunque ed i miei occhi luccicavano colmi di gioia (amo immensamente le cipolle se non si fosse capito) tral’altro credo di essere ufficialmente dipendente dalle patate in tecia perchè non esagero se confermo il fatto che me ne sarei potuta scofanare un bidone assieme ai fagioli. Le patate in tecia (letteralmente ”patate in tegame”) sono un piatto tipico della tradizione triestina da servire come contorno. E’ costituito da semplici patate bollite, ripassate poi in padella con cipolle ed un filo d’olio, successivamente poi schiacciate e rosolate in modo tale da creare una piccola crosticina croccante appena visibile.
Insomma, i 10 euro meglio spesi della settimana, consiglio a tutti questo piatto tranne ovviamente a chi ha intenzione di limonare dopo e non è amante dei ”gusti forti”.
Comunque viva le cipolle!

Buona notte a tutti

————————————————————————————————

Evening ” Oktoberfest “with my roommate ended with a future marriage Trieste to photograph and organize. I’m still not totally set that I already have a job in his hands, is excellent. During the evening I got to taste a dish fabulous-based luganighe, beans with onions, mustard, horseradish sauce (a sauce typical central European arising from horseradish, has a very particular taste and strong, it goes well with pork) and pan-cooked potatoes, accompanied by a half-red pint lager. Whether pleasure, I have nothing to add. I was literally in heaven, onions were everywhere and my eyes glittered filled with joy (I love onions immensely if he had not understood) tral’altro I think I’m officially dependent on pan-cooked potatoes because I am not exaggerating if I confirm the fact that me I could do scofanare a bin along with the beans. The pan-cooked potatoes (literally ” potatoes in the pan ”) are a traditional dish from Trieste to serve as a side dish. E ‘consists of simple boiled potatoes, then rehearse in a pan with onions and a little olive oil, then mashed and then fried in such a way as to create a small, crispy crust barely visible.
In short, the 10 euro better spent in the week, I recommend to everyone this dish except of course for those who plan to kissing after and is not fond of ” strong flavors ‘.’
Anyway cheers for the onions!

Good nite to all